Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Ingresso in Italia

 

Ingresso in Italia

Con l'ordinanza del Ministero della Salute del 22 febbraio 2022,  sono stati eliminati, con decorrenza dal 1° marzo 2022, gli elenchi dei Paesi e uniformate le regole di ingresso sul territorio nazionale. A partire dal 1° maggio 2022, conformemente a quanto previsto dall'ordinanza del Ministero della Salute dello scorso 28 aprile, non è più necessaria la compilazione del dPLF, mentre rimane in vigore l'obbligo di cui al punto a). 

Chiunque entra in Italia per qualsiasi motivo e con qualsiasi mezzo deve quindi:

a) presentare, a chiunque sia preposto ad effettuarne il controllo, l'EU digital Covid Certificate conforme alla normativa europea, da cui risulti, alternativamente:

 

  • avvenuta vaccinazione, con attestazione del completamento del prescritto ciclo vaccinale da almeno quattordici (14) giorni (ai soli fini dell’ingresso in Italia, i certificati digitali UE di vaccinazione rimangono validi 9 mesi);
  • avvenuta guarigione (negli ultimi sei mesi);
  • avvenuta guarigione, più effettuazione della sola dose di vaccino prevista per il completamento del ciclo vaccinale;
  • il risultato negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato tramite tampone. Il test molecolare deve essere effettuato non oltre le 72 ore precedenti all'ingresso in Italia; il test antigenico non oltre le 48 ore precedenti all'ingresso in Italia.

I bambini al di sotto dei sei (6) anni di età sono esentati dall’effettuazione del test molecolare o antigenico.

In caso di avvenuto ingresso in Italia in mancanza della certificazione di cui al punto b) (certificato vaccinale, di guarigione o tampone), è necessario:

- sottoporsi a un periodo di cinque (5) giorni di isolamento fiduciario presso l'abitazione o la dimora per attivare la sorveglianza sanitaria;

- effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque (5) giorni di isolamento.

Per eventuali eccezioni alle disposizioni di cui sopra, si prega di consultare il questionario predisposto dal Ministero degli Affari Esteri.


239